Trova
ISTITUZIONE
DOCUMENTAZIONE
INFOCITTA'

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente Casa Albergo A. Rusalen

sportello suap

cambio residenza in tempo reale

COMUNICAZIONE
SCOPRIRE
AMBIENTE
CULTURA
TVB biblioteche trevigiane
Sistema Informativo Territoriale
P.R.G.
Piano di Z.A.
P.I.C.I.L.
piano comunale emergenza
informazioni per l'accesso all'asilo nido primi passi
la rete trevigiana per l'attivitŕ fisica

vai al sito della Provincia di Treviso

vai al sito della Regione Veneto

vai al sito della Polizia di Stato - Sezione Passaporto

vai al sito della Prefettura di Treviso

Home > Istituzione > Uffici comunali

Uffici comunali

Ufficio Servizi Sociali
Via Vittorio Emanuele, 13 - primo piano
Responsabile: Bruna Ziroldo
Telefono: 0422.767001
Fax: 0422.767728
Email: sociale@comune.medunadilivenza.tv.it
Orario:
lunedì e venerdì dalle ore 11.00 alle ore 13.00
mercoledì dalle ore 16.00 alle ore 18.00
Competenze:

Di cosa ci occupiamo:

  • Assistenza domiciliare
  • Servizio pasti caldi a domicilio
  • Telesoccorso
  • Ricovero in casa di riposo
  • Contributi regionali per non autosufficienti assistiti a domicilio
  • Contributi abbattimento barriere architettoniche
  • Tessere di circolazione agevolata
  • Aiuti economici
  • Assegno di maternitĂ  e per il nucleo familiare numeroso
  • Bonus energia e gas
  • Contributo buono libri di testo
  • Bando Fondo Sociale Affitti (F.S.A.)

ASSISTENZA DOMICILIARE
Il Servizio di Assistenza Domiciliare è rivolto alle persone in condizioni di autonomia ridotta per motivi legati all’età, alla malattia, a condizioni sociali difficili. Obiettivo del Servizio di Assistenza Domiciliare è quello di favorire il mantenimento delle persone nel proprio ambiente di vita, con un supporto diretto ai singoli o alle famiglie che se ne prendono cura.
La richiesta del servizio va presentata all’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Meduna di Livenza. Verrà concordata con l’assistente sociale una visita domiciliare, in cui verrà valutata la situazione di bisogno e definito il tipo di intervento.
Il servizio è a pagamento. La quota oraria varia a seconda dell’indicatore ISEE e del nucleo familiare in cui la persona anziana è inserita.
Prestazioni del Servizio di Assistenza Domiciliare:
cura della persona: igiene e cura personale con esclusione di interventi di natura esclusivamente infermieristica, in particolare al momento dell’alzata al mattino; bagno/doccia assistiti settimanali;
aiuto domestico alle persone senza rete familiare: igiene ambientale, preparazione pasti;
segretariato sociale: sostegno all’utente nella documentazione per pratiche assistenziali, in collaborazione con l’assistente sociale.

SERVIZIO PASTI CALDI A DOMICILIO
Il servizio pasti caldi a domicilio è rivolto a persone adulte e/o ad anziani con difficoltà nella preparazione dei pasti. La consegna avviene dal lunedì al sabato e durante le festività infrasettimanali. Il costo del servizio è a carico dell’utenza: per attivarlo rivolgersi all’Assistente Sociale (vedi Sezione Moduli).

TELESOCCORSO
E’ un servizio di pronto intervento che si esplica attraverso l’attivazione di un semplice apparecchio a pulsante, collegato con un centro funzionante 24 ore su 24, che opera in collegamento con la struttura pubblica. Servizio rivolto ad anziani soli o coppie con problemi sociali (figli lontani, isolamento …) e/o patologici (allettati o con difficoltà di autonomia gestionale, dimessi da una struttura ospedaliera …). Il servizio è gestito dalla ditta Tesan Spa, convenzionata con la Regione Veneto. Una volta installato l’apparecchio a domicilio, l’utente è dotato di un cicalino da tenere sempre a portata di mano, da attivare in caso di necessità. La ditta, verificato immediatamente il bisogno, collegherà la telefonata ai numeri telefonici forniti al momento della domanda o ai servizi di pronto intervento.
La domanda (vedi Sezione Moduli) va presentata presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Meduna di Livenza. Il servizio è gratuito.

RICOVERO IN CASA DI RIPOSO
Strutture per autosufficienti: ospitano persone in età avanzata che presentano difficoltà nel condurre una vita autonoma o che per la loro scelta preferiscono avere dei servizi collettivi anziché gestire in maniera autonoma la propria abitazione e la propria vita. Per fare la domanda ci si rivolge direttamente all'Istituto prescelto.
Strutture per non-autosufficienti: ospitano persone anziane che richiedono un'assistenza infermieristica per terapie e medicazioni e di un’assistenza alla persona (igiene personale, alimentazione spostamenti ecc.).
L'accesso presso le strutture residenziali per non autosufficienti è subordinato ad una valutazione sociale e sanitaria al fine di individuare la gravità e l'urgenza del bisogno. Viene redatta una scheda di valutazione che è possibile richiedere all’Ufficio Servizi Sociali.
L’assistente sociale effettua la visita domiciliare e compila la scheda di valutazione della situazione sociale e partecipa all’Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale per l’inserimento nella graduatoria Ulss.

CONTRIBUTI REGIONALI PER NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI A DOMICILIO
La Regione Veneto con DGR 4135/2006 e successive circolari, ha fissato i criteri per l'erogazione di contributi alle famiglie che assistono una persona anziana o disabile con gravi difficoltĂ  con l'intento di evitare l'istituzionalizzazione.
Per la compilazione dell’apposito modulo di richiesta, rivolgersi all’Assistente sociale (vedi Sezione Moduli).

CONTRIBUTI PER L'ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE
La Regione Veneto (L. R. 16/2007) e lo Stato (L.13/89) erogano contributi per l'abbattimento delle barriere architettoniche presso edifici privati e per l'adattamento di autoveicoli e motoveicoli di persone disabili.
Si può richiedere il contributo ai sensi della L.R. 16/2007 per:

  • ristrutturazione Edifici e Acquisto Ausili:

si presenta una domanda al Sindaco del Comune di residenza (vedi Sezione Moduli)con l'indicazione delle opere da realizzare e dei beni da acquistare nonché della relativa spesa, in marca da bollo da EURO 16,00, alla quale si allega:
- Preventivo della ditta;
- Fotocopia della documentazione attestante l'invaliditĂ  civile; - Autocertificazione in cui l'interessato dichiara di aver o di non aver inoltrato domanda per lo stesso fine in base ad altre leggi, che le opere non sono state - eseguite e che gli ausili e che le attrezzature non sono ancora state acquistate.

  • interventi per l'adattamento dei mezzi di locomozione:

si presenta una domanda al Sindaco del Comune di residenza (vedi Sezione Moduli) con l'indicazione delle opere da realizzare e dei beni da acquistare nonché della relativa spesa, in marca da bollo da EURO 16,00, alla quale si allega:

- Certificazione attestante le condizioni di menomazione del richiedente interessato alla guida;
- Certificazione attestante l'abilitazione alla guida;
- Tipo di auto, targa e anno di immatricolazione;
- Descrizione delle modificazioni da apportare;
- Preventivo di una ditta specializzata munita di autorizzazione a compiere gli adattamenti richiesti;
- La specificazione di eventuali domande avanzate, per lo stesso fine, con riferimento alla L. 104/92 art. 27.

  • Per richiedere il contributo ai sensi della L. 13/89:

si compila il modulo di richiesta e si allega:
- Attestazione Handicap USL;
- Autocertificazione;
- Certificato sanitario USL per invaliditĂ  civile;
- Preventivo della Ditta;
La domanda dovrĂ  essere presentata entro il 01 marzo di ogni anno all'Ufficio Servizi Sociali del Comune (vedi Sezione Moduli).

TESSERE DI CIRCOLAZIONE AGEVOLATA
Ai sensi della L. R. 30/07/1996 n. 19, sono previste agevolazioni per le fasce deboli dell'utenza, identificate nei pensionati con trattamento economico non superiore al minimo INPS, di età superiore ai 60 anni, nonché negli invalidi e portatori di handicap, riconosciuti dalle Commissioni mediche, con grado di invalidità non inferiore al 67%.
L'Agevolazione spetta altresì ai ciechi civili assoluti e parziali, ai sordomuti, ai minori beneficiari dell'indennità di accompagnamento, ai mutilati invalidi di guerra e di servizio appartenenti alle categorie prima e ottava, per gli invalidi del lavoro con invalidità non inferiore all'80%, ai cavalieri di Vittorio Veneto, nonché agli accompagnatori degli invalidi e dei ciechi titolari dell'indennità di accompagnamento. Si compila il modulo di richiesta (vedi Sezione Moduli) e si allegano:
- l'autocertificazione specifica relativa alla singola categoria di appartenenza e al reddito.
- N. 2 foto tessera.
Per maggiori informazione si consiglia di contattare il l’Ufficio Servizi Sociali.

AIUTI ECONOMICI
Qualsiasi famiglia o persona che deve fronteggiare una situazione economica di emergenza può ottenere dal Comune un sostegno economico che può essere continuativo o straordinario.
Tale intervento viene erogato sulla base di una valutazione generale del bisogno con l'obiettivo di dare risposte in una visione progettuale per la risoluzione dello stato di necessità. Rivolgersi all’Assistente Sociale del Comune.
ASSEGNO DI MATERNITA’
La legge 448/98 e successive modifiche, prevede un assegno per le madri prive di copertura previdenziale. Per fare domanda occorre:

  • essere cittadine italiane o cittadine extracomunitarie soggiornanti di lungo periodo
  • appartenere ad un nucleo familiare in possesso di risorse economiche non superiori al valore dell’indicatore della situazione economica (ISE) di cui al decreto legislativo 31.03.98 n. 109, stabilito ogni anno dall’INPS.

La domanda va presentata entro sei mesi dalla data del parto. Si compila il modulo di richiesta (vedi Sezione Moduli) con allegata l’autocertificazione attestante le condizioni economiche del nucleo familiare (attestazione ISEE).

ASSEGNO PER NUCLEO FAMILIARE NUMEROSO
E’ prevista l’erogazione di un assegno a favore dei nuclei familiari con almeno tre figli minori.
Per fare domanda occorre:

  • essere cittadini italiani o extracomunitari soggiornanti di lungo periodo;
  • appartenere ad un nucleo familiare in cui siano presenti almeno tre figli minori;
  • non possedere un valore dell’indicatore della situazione economica (ISE) superiore al limite stabilito annualmente dall’INPS.

La domanda va presentata entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello per il quale viene chiesto il contributo e può essere fatta semestralmente o annualmente.
Si compila il modulo di richiesta (vedi Sezione Moduli) con allegata l’autocertificazione attestante le condizioni economiche del nucleo familiare.

BONUS ENERGIA E GAS
Domanda per ottenere tariffa agevolata
- per disagio economico con limite ISEE di Euro 7.500,00 o con nucleo con 4 minori con ISEE entro i 20.000 euro;
- per disagio fisico presentando certificazione rilasciata da medico AULSS in cui viene dichiarato quale apparecchio viene effettivamente utilizzato.
La domanda (vedi Sezione Moduli) va presentata all’Ufficio servizi sociali del Comune.

CONTRIBUTO STATALE-REGIONALE “LIBRI DI TESTO”
E’un contributo statale-regionale destinato alle famiglie degli studenti al fine di sostenere l’istruzione dei propri figli. Possono richiederlo le famiglie degli studenti che risiedono nel Comune e che frequentano scuole statali e paritarie:
- secondarie di primo grado
- secondarie di secondo grado
- scuole di formazione professionale accreditate dalla Regione Veneto,
con un ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente), relativo ai redditi dell’anno precedente, dichiarati nell’anno, non superiore ai limiti stabiliti dalla Regione Veneto.
La spesa ammissibile è quella relativa all’acquisto dei libri di testo e/o strumenti didattici alternativi, con esclusione dei dizionari. I richiedenti devono compilare un modulo web di domanda collegandosi all’apposito sito della Regione Veneto e seguendo le istruzioni ivi riportate. E’ necessario poi recarsi all’Ufficio del Comune entro i termini indicati dal Bando portando con sé la documentazione richiesta dal bando stesso, affinché il Comune provveda a confermare i dati contenuti nella domanda trasmessa.
L’importo ottenibile del contributo potrà coprire fino al totale della spesa sostenuta e documentabile.
La liquidazione dei contributi avviene nelle modalità e nei tempi indicati nel Bando regionale ed è subordinata al versamento nelle casse comunali dei fondi ad essi destinati da parte della regione Veneto.

BANDO FONDO SOCIALE AFFITTI (F.S.A.)
Contributo regionale destinato a singoli o famiglie che hanno in locazione un immobile nel territorio comunale. Domanda collegata a limiti di reddito definiti annualmente nel Bando redatto dalla Regione del Veneto.
Richiedere informazioni presso l’Ufficio servizi sociali.

Personale
Giada Ceotto - sociale@comune.medunadilivenza.tv.it
- giada.celotto@comune.medunadilivenza.tv.it